Città di Pozuzo

Oxapampa, Pasco, Perù

Suggerisci un luogo da visitare
54
Traccia verso la posizione con il GPS

La valle del fiume Pozuzo è già stata abitata da tempo immemorabile da popolazioni indigene (amajes) e indigeni (amuesha o yaneshas) e persino resti della penetrazione Inca nella zona come piattaforme e vecchio punto di vista. In epoca coloniale, furono i sacerdoti francescani che vennero ad evangelizzare la zona, fondando due città nella zona: Asunción de Pozuzo con 164 nativi sotto la cura di padre Francisco Honorio Matos e Nuestra Señora del Carmen de Tillingo con 100 indigeni sotto la cura pastorale del padre. Francisco José Arévalo. Tuttavia, queste città furono abbandonate dai sacerdoti che costrinsero anche i nativi ad andarsene prima del pericolo che si unissero alla ribellione di Juan Santos Atahualpa che era nelle zone vicine, ma poi i nativi tornarono ad occupare l'area di Pozuzo.



Nella Repubblica, Ramón Castilla ha abolito la schiavitù nel 1954 e ha vietato l'immigrazione asiatica per favorire l'immigrazione dall'Europa. atteso e voluto dalla maggioranza della classe dirigente peruviana, poiché si pensava che solo un'immigrazione di forti uomini europei avrebbe attivato dinamicamente l'attività economica peruviana. Tra le tante concezioni - errate - del tempo si può segnalare l '"indolenza" dell'indiano peruviano, a cui si attribuisce l'arretratezza in cui era immersa l'agricoltura e l'attività industriale del paese; Rispetto alla maggioranza della classe politica dominante del Perù, era considerato "improprio" per un creolo lavorare nei campi o impegnarsi in attività commerciali, motivo per cui le imprese peruviane all'epoca erano nelle mani di immigrati italiani, Il francese e il tedesco (secondo le cronache di Gerstäecker) dapprima e successivamente passarono nelle mani di immigrati cinesi e giapponesi. Si pensava che gli europei avrebbero portato "progresso" nel paese grazie al loro comportamento proattivo, alla conoscenza capitalista e alle capacità tecniche industriali portate dall'Europa, nonché alle loro capacità commerciali e ai contatti con il mercato mondiale, un mercato al quale il Perù non era ancora attaccato. .



Una figura chiave nell'immigrazione tirolese in Perù è il barone Kuno Damián Freiherr Schutz von Holzhausen (nato a Camberg - Ducato di Nassau - 15 febbraio 1825). Giovanissimo parte per il Texas - USA - motivato dalla massiccia emigrazione tedesca (Auswanderug) in America. Ma vide che negli Stati Uniti i tedeschi stavano rapidamente perdendo le loro usanze e pensò che la destinazione migliore per loro sarebbe stato il Sud America.



Nel 1853 Kuno Damián Freiherr Schutz von Holzhausen arrivò a Callao, con la destinazione finale del Cile, paese nel cui sud il clima era abbastanza simile a quello della Germania e dove erano stati sviluppati i progetti di colonizzazione tedesca stimolati dal governo. A Lima incontrò l'allora ministro degli Esteri Juan Manuel Tirado che, appreso dei suoi progetti, lo convinse a non andare più a sud ea fondare le progettate colonie tedesche in Perù, sul versante orientale delle Ande. Per cui sarebbe stata costruita una ferrovia dalla costa a un fiume navigabile che raggiunge l'Amazzonia e attraverso questo unendo le coste del Pacifico con l'Atlantico, impresa titanica che Schutz riteneva possibile a causa del boom economico che il Perù stava vivendo grazie al guano.



Il primo contratto firmato dal barone fallì a seguito di una rivoluzione liberale nel 1854 che rimosse il presidente Echenique; A causa della crisi politica e militare che stava attraversando il paese, il barone dovette firmare un altro contratto il 6 dicembre 1855 con il nuovo presidente, il generale Ramón Castilla. Il contratto, in breve, diceva quanto segue:



1. Il precedente contratto è stato considerato nullo per inosservanza delle date di esecuzione, che la colonizzazione deve avere inizio nelle regioni più vicine a quelle abitate della Repubblica e non nei suoi confini, non predisposti a tale scopo; motivo per firmare un nuovo contratto.

2. Viene supportata la proposta di Schutz di introdurre 10.000 coloni entro 6 anni dalla data del contratto.

3. I coloni (gente robusta, di buone maniere e cattolici romani) mantengono i loro diritti stipulati nel contratto precedente.

4. Schutz accetta di radunare i coloni, portarli in Perù e nella zona destinata alla colonizzazione, dove farà in modo che i coloni coltivino i loro campi e costruiscano le loro case.

5. La prima colonia sarà di 500 individui, che dovranno raggiungere Callao nel 1856 e sarà situata a Pozuzo, dove convergono i fiumi Delfin e Huancabambna, luoghi che saranno condizionati a tale scopo.

6. Il governo pagherà il passaggio a Callao e fornirà loro cibo e semi durante il primo semestre, nonché attrezzi agricoli che saranno restituiti dai coloni 5 anni dopo il loro arrivo e ciascuno di loro riceverà 30 pesos nessuna tassa di ritorno.

7. Schutz avrà uno stipendio di 2400 pesos all'anno per tutta la durata della colonizzazione e riceverà 140 leghe quadrate di terra sui siti delle colonie. Autografato da Ramón Castilla e Juan Manuel del Mar.





Il destino delle pianure amazzoniche fu cambiato (Schutz viaggiò personalmente con il ministro Tirado a Caballococha e da lì a Manaus - Brasile per vedere la fattibilità del progetto) per Pozuzo, poiché in precedenza 2 tentativi di colonizzazione tedesca a Moyobamba erano falliti (tra il 1850 e nel 1853 arrivarono 1096 tedeschi, portati da José Antolín Rodulfo).



Nel 1856 il barone Schutz si recò in Germania dove incontrò una notevole opposizione ai suoi progetti, soprattutto perché era già noto il fallimento della colonizzazione a Moyobamba, la sua intenzione di reclutare tedeschi dall'Assia, dalla Renania e da Nassau fallì, quindi posò gli occhi sul Tirol, una regione cattolica con meno risorse. Pubblicò il suo progetto di colonizzare il Pozuzo su un quotidiano tedesco e padre benedettino Agustín Scherer venne a conoscenza del progetto che avrebbe aiutato i suoi compagni contadini e artigiani poveri e per questo raccomandò padre José Egg, cappellano della città di Imst nell'Alto Inn (Tirolo). Dopo un dialogo con il Barone, fu ufficializzato il sostegno di entrambi i religiosi, che furono autorizzati a cercare nel Tirolo le persone giuste. La notizia che sarebbero stati accompagnati da padre José Egg, ha ispirato maggiore fiducia, speranza e fede tra i paesani tirolesi, dove ogni persona che voleva far parte del gruppo, doveva avere una raccomandazione di buona condotta concessa dal parroco della loro città, È il caso della signora Ana María Egg della Villa de Silz, che dopo aver appreso che i suoi figli volevano viaggiare è stata incoraggiata a ricevere la sua raccomandazione.



Sono andati a Silz, una città particolarmente colpita dalla povertà, dove hanno iniziato ad assumere. Come prima raccomandazione, Schutz ha affermato che quei contadini che avevano dei soldi dovrebbero emigrare in Ungheria "dove non devono affrontare situazioni sconosciute" e che vanno solo in Perù



Pozuzo è una bellissima valle racchiusa tra le montagne e abitata da genti discendenti direttamente da tedeschi e austriaci, che conservano i loro usi e costumi portati dai loro coloni.





Si trova nel dipartimento di Pasco, provincia di Oxapampa ad un'altitudine di 700 m in una bellissima valle nell'alta giungla.



Da Lima la distanza è di 460 km, attraversando le tre regioni naturali del Perù (costa, montagne e giungla).



Pozuzo è un distretto del Perù la cui popolazione è composta da discendenti austriaci (tirolesi), tedeschi (renani e bavaresi), meticci e indigeni. Si trova nella provincia di Oxapampa, dipartimento di Pasco nella giungla centrale del Perù.



In memoria dei coloni giunti e vissuti in questa bellissima cittadina, valorizzando i loro sforzi con profonda gratitudine, e con il desiderio di salvare tale patrimonio culturale, il Centro Storico e Culturale è considerato come area e patrimonio culturale, luogo rappresentativo di Pozuzo nel che si può visitare:



CHIESA “SAN JOSÉ”: è stata la prima chiesa costruita dai coloni nel 1875. Alcune strutture sono in legno, mentre altre sono in pietra, calce e materiale nobile. Prima c'era un centro di preghiera con muri e tetti di palma, a pochi metri dal monumento a José Egg.



CIMITERO DI COLONOS: pittoresco campo sacro dove riposano i resti sia della guida spirituale dei coloni, padre José Egg, sia dei genitori Luis Ipfelkofer e Francisco Schafferer.



MUSEO SCHAFFERER: luogo in cui vengono esposti, conservati e valorizzati oggetti e oggetti antichi che i coloni portarono a Pozuzo, come attrezzi da lavoro, utensili da cucina, ceramiche, fotografie, mobili in legno, ecc. Sono esposte anche vestigia di culture precedenti alla presenza europea. Alla fine del secolo scorso, la costruzione è stata eseguita dai membri della Società di mutuo soccorso.



PONTE DELL'EMPERADOR GUILLERMO I: storico ponte sospeso situato sul fiume Huancabamba, costruito nel 1877. Inizialmente si chiamava Ponte Centrale e favoriva l'attività commerciale dei coloni con altre città come il porto fluviale di Mayro e Huánuco. Si collega con una bellissima mulattiera totalmente naturale, che conserva silenziosamente le impronte e i ricordi dei coloni e da dove inizia il Sentiero Interpretativo dell'Imperatore Guillermo I.



LA CASA BUDWEISER: in stile bavarese (tedesco), con una cantina e un camino che attraversa tutta la casa, lo stesso che ha un affumicatoio per i prodotti a base di carne. Il suo attuale proprietario è il signor José Ballesteros.



CASA DE LA CULTURA: inaugurata nel 2004, costruita in stile tirolese (austriaco), con il sostegno della PRO KULTURVEREIN POZUZO ”(Associazione per la Cultura di Pozuzo con sede in Tirol-Austria); Distretto Municipale di Pozuzo e l'Associazione di Storia e Cultura di Pozuzo, in questo luogo accogliente si svolgono attività legate alle usanze pozucinas, principalmente rappresentazione di danze tipiche. (programmazione precedente)
Commenti
Non abbiamo ancora commenti su:
Città di Pozuzo
Sii il primo a lasciare un commento, in quanto è molto importante informare gli altri.

 

Outros locais a visitar

Nel raggio di 20 km da:

Città di Pozuzo

  

Cappella San José

0,4 Km
Cappella San José

  

Ciudad de Pozuzo

0,5 Km
Ciudad de Pozuzo

  

Casa della Cultura

0,5 Km
Casa della Cultura

  

Chiesa del Sacro Cuore di Gesù

0,5 Km
Chiesa del Sacro Cuore di Gesù

  

Museo Schafferer

0,7 Km
Museo Schafferer

  

Puente Colgante de Pozuzo

1,1 Km
Puente Colgante de Pozuzo

Prenotazione hotel vicino da Città di Pozuzo nel raggio di 20 km


Nessun risultato

Perché prenotare con TOURISTISCHE ROUTEN
I migliori prezzi
Le nostre partnership con i più grandi operatori del mondo offrono una ricerca sui migliori prezzi sul mercato.
Più opzioni
In Rotas Turisticas è possibile prenotare l´hotel, acquistare il biglietto aereo, prenotare il trasferimento dall´aeroporto all´hotel e viceversa, prenotare escursioni locali, noleggiare l´auto, stipulare un´assicurazione di viaggio e consultare i luoghi da visitare e dove andare.
Destinazioni di vacanza
Centinaia di destinazioni per le vacanze con tutte le opzioni che ti consentono di scegliere facilmente la destinazione più adatta alla tua vacanza da sogno.


Seguici sui social network
  

 
Rotas Turisticas
Grupo Público · 8.410 membros
Aderir ao grupo
Podem publicar fotos das vossas viagens, férias, locais que estiveram ou gostariam de estar. Podem divulgar negócios ou actividades...